logomani.jpgS.M.S.C.C.

V E N E Z I A

SOCIETA' di MUTUO SOCCORSO fra CARPENTIERI e CALAFATI

 

"… dal 1867, promuove il mutuo soccorso

e la solidarietà sociale a Venezia …"

 

 CAXA

CHI SIAMO

ORGANIZZAZIONE

LEGISLAZIONE

 

Venexianità

 

Regata de Casteo arrowred.gif

 

 

contatti arrowred.gif smscc@smscc.it

 

diventa socioarrowred.gif informazioni

Leone_b.jpg

Regata de Casteo

                              o del XX Settembre

                                                                         dal 1887


 

5^ edizione 2015

PUPPARIN A UN REMO

 

ORDINE  DI  ARRIVO

 

1 – VERDE

BANDIERA ROSSA

ALESSIO CHIOZZOTTO

 

2 – ROSSO

BANDIERA AZZURRA

MATTEO ZIANIOL

 

3 – VIOLA

BANDIERA VERDE

GIACOMO PASTOR

 

4 – CANARIN

BANDIERA GIALLA

ALESSIO ANGIOLIN

 

5 – ROSA

CLASSIFICATO

ROCCO RUMONATO

 

6 – ARANCIO

CLASSIFICATO

FABIO MARESCA

 

7 – CELESTE

CLASSIFICATO

ALVISE BERTOTTO

 

8 – RISERVA

CLASSIFICATO

DAVIDE BUSETTO

 

9 - BIANCO

RICCARDO ZANGRANDO

 

 

Il presidente della ASD Società Remiera Casteo (Lino Penzo) e il presidente della Società di Mutuo Soccorso Carpentieri e Calafati (Cesare Peris), hanno presenziato e premiato i nove giovani regatanti partecipanti alla quinta edizione della "Regata de Casteo o del XX settembre" di sabato 26 settembre. Una grande festa di sport e di tradizione, fortemente voluta dalla Società di Mutuo Soccorso Carpentieri e Calafati e dalla ASD Società Remiera Casteo, che ha visto regatare in pupparin a un remo il meglio della voga giovanile “under 18”.

A cercare di ovviare alla piaga del moto ondoso, il responsabile tecnico della regata, lo “storico” Gianni Busetto, sceglie quest’anno un percorso che consenta di avere “acqua molla”, al fine di agevolare i giovani regatanti. Nutrito il seguito di barche di amici e parenti. La Giuria di gara è composta da tre arbitri ufficiali, fra i quali una giovane donna che ne approfitta per affinare la tecnica di conduzione.  

Partenza quindi dal cordino teso all’altezza dei “Tedeschi”, a Sant’Erasmo. Dalla “cavata” emergono centralmente appaiati il rosso di Matteo Zaniol e il celeste di Alvise Bertotto, sulla destra, più arretrati, le prue del verde di Alessio Chiozzotto e del viola di Giacomo Pastor, sulla sinistra le “olive” dei ferri da prua del rosa di Rocco Rumonato e del canarin di Alessio Angiolin. Il verde inizia una progressione di vogata e in breve si appaia al rosso e al celeste, più staccato segue sulla destra il viola, mentre sulla sinistra ha inizio il lungo duello che vedrà protagonisti il canarin e il rosa. Mentre la regata prosegue, il celeste inizia a perdere il contatto con il rosso e il verde che ancora lottano per conquistare la prima posizione, mentre nelle retrovie il viola è ora quarto e il rosa assieme al canarin sono sempre appaiati nella quinta posizione. A seguire gli altri tre regatanti, un paio dei quali alla loro prima esperienza di voga a un remo. All’altezza della “baracca”, il viola, che ha saggiamente scelto il percorso sotto riva stante l’avversa “dosana”, guadagna vistosamente spazio, affiancando e superando il celeste che inizia a mostrare difficoltà nel mantenere il contatto con il gruppo di testa. Poco prima del giro del “paleto”, posto davanti al Lazzaretto Novo, il verde e il rosso guidano ancora appaiati la regata, mentre nelle retrovie il celeste è crollato alla sesta posizione ora preceduto dal viola, saldamente al terzo posto, dal canarin, quarto e dal rosa, quinto. All’imbocco del canale della bissa si consolidano le posizioni, con ancora un’ultima scaramuccia fra il verde, in prima posizione e il rosso che tenta l’insidia davanti all’isola di Roberta di Camerino. In terza posizione il viola, seguito dal canarin che ha vinto la sfida con il rosa che deve accontentarsi di un più che onorevole quinto posto.

Mentre la fatica si fa sentire, le posizioni più non mutano fino all’arrivo, posizionato all’altezza della “meda” di entrata del canale della bissa, di fronte alle Vignole Nove.

Le premiazioni, in campo San Piero, oltre alle tradizionali bandiere rigorosamente a gagliardetto, hanno visto Cesare Peris donare, a nome della Società di Mutuo Soccorso, il tradizionale remo da poppa da puparin al primo classificato, il verde di Alessio Chiozzotto e quindi premi per tutti i regatanti.

Infine, come da tradizione, l’assaggio conviviale di cicheti vari, innaffiati da buon vino ha allietato i presenti, mentre a gruppi disquisivano sulla regata appena conclusa, su quelle dell'ultima stagione e su quelle del passato. Un ottimo quadro di tradizione, di cultura e di venezianità.

 

 

 

 

 

Castello, 450 – 30122 VENEZIA (VE)

tel. e fax 041 5286813                 C. F. 80007680277

Copyright. Ogni diritto sul contenuto del sito è riservato.